Un, due, tre... libera tutti

 

Copertina volumeUn, due tre…libera tutti. 120 giochi da mattina a sera.
Libro di giochi per bambini, pubblicato nel 2007 dalla R.S.G.T. con la collaborazione dell'Assessorato all'Istruzione e allo Sport della Regione Piemonte.
Il testo vuole anche essere divulgativo della campagna etica "Sport Pulito".

Un titolo che evoca tempi passati, divertimenti semplici, voci infantili in cortili assolati; un libro che, recuperando il «gioco», è una proposta per una maggiore attenzione allo sviluppo cognitivo, affettivo e sociale dei nostri figli. Esso si rivolge dunque a genitori ed insegnanti, agli educatori in genere, come aiuto nell’indicare non solo regole pratiche e padronanza del proprio corpo in attività specifiche, come quelle motorie, ma modelli comportamentali che trascendono il momento ludico. Ma per la bellezza e la capacità comunicativa dei disegni - lasciati in parte da colorare secondo la fantasia individuale - per l’espressività cromatica, il testo parla un linguaggio di facile presa anche sui bambini, che sono in definitiva i protagonisti e i fruitori finali di questa ricca e intensa raccolta.

Autori delle prefazioni
Giovanna Pentenero - Assessore Regionale all’istruzione e alla Formazione Professionale
Giuliana Manica - Assessore Regionale al Turismo, Sport e Pari Opportunità
Francesco De Sanctis - Direttore Generale Ufficio Scolastico Reg. per il Piemonte
Alessandro Casiccia - Sociologo Docente Universitario
Gianfranco Porqueddu - Presidente C.O.N.I. - C.R. Piemonte
Carlo Viglino - medico chirurgo specialista in Ortopedia e Medicina dello sport
Armando Barchi - dottore in Scienze Motorie, kinesiologo, massofisioterapista
Emanuele Lajolo di Cossano - Presidente Reale Società Ginnastica di Torino

Presentazione
a cura del gruppo di studio e di ricerca della RSGT (Salvatore Finocchiaro - Nadia Rizzo - Raffaella Saudino)

In quarta di copertina si legge:
Il gioco è un tipo di comunicazione che affonda le sue radici nell'intima struttura psicofisica ed intellettiva di ognuno, ed è avvertita fin dai primissimi giorni di vita.
La psicologia dell'età evolutiva ci insegna che nelle varie fasi di crescita del bambino, il gioco assume tre diverse funzioni: cognitiva, affettiva, sociale.
Offrire al bambino una possibilità di gioco significa dunque fornirgli un elemento fondamentale per il suo sviluppo intellettivo ed emotivo e per la sua socializzazione.
Il gioco perciò non deve essere considerato solo come ricreazione o come aspetto minore e facoltativo di un progetto educativo, ma parte integrante e funzionale di esso.
Ciò premesso risulta evidente che il gioco permette al bambino di vivere un maggior numero di esperienze che gli permettono di esprimere il suo mondo interiore, le sue sensazioni, la sua realtà e le sue stesse insoddisfazioni.

PER GLI INSEGNANTI, GLI EDUCATORI E I GENITORI
Questa pubblicazione di giochi vuole essere una raccolta di facile consultazione. Gli insegnanti, i genitori, gli educatori, troveranno per ogni gioco l'indicazione dell'età, le finalità fisiche, il materiale occorrente per la sua realizzazione. Sono altresì un suggerimento per inventarne di nuovi, come non è da sottovalutare la possibilità di coinvolgere i bambini stessi a costruire del materiale che sarà poi impiegato successivamente durante lo svolgimento del gioco.

CARATTERISTICHE E FINALITÀ

  • Scopo primario è quello di costituire un sussidio didattico per gli educatori: pensato ed elaborato con estrema cura, vuole anche essere un gesto d'amore verso il mondo dell'infanzia.
  • Attraverso disegni particolarmente comunicativi, la rappresentazione dei bambini dei 5 continenti abitua sin dalla primissima infanzia a considerare normale la differenza.
  • Il testo è concepito con il fine di sollecitare l’interazione da parte del bambino:
    - suscitando la loro fantasia cromatica: infatti una parte dei disegni è a colori, mentre l’altra si presenta con i soli contorni in bianco e nero per dar modo ai bambini di esprimersi attraverso il colore.
    - stimolando al movimento per esempio alcuni giochi sono effettivamente preparatori per alcune specialità sportive come ad esempio il minibasket, la pallavolo e la ginnastica.
  • I giochi descritti, essendo anche di squadra, insegnano ai bambini a relazionarsi, a collaborare tra loro e a crescere nel rispetto delle regole e degli avversari.
  • Prerogativa del libro sono la chiarezza e la semplicità, sia del testo sia dei disegni, presentati in modo esplicativo, caratteristiche che lo rendono accessibile a ogni tipologia di persona.
  • Importante è la forma descrittiva del movimento che permette di interpretare correttamente gli esercizi "giochi" da eseguire.

Il volume, disponibile presso la R.S.G.T. e nelle migliori librerie, ha vinto il premio Ludo Awards 2008 come miglior libro dedicato ai giochi tradizionali ed è stato inserito nel patrimonio librario delle Biblioteche del Polo piemontese e di tutta Italia.

Un, due, tre… libera tutti. 120 giochi da mattina a sera, a cura della Reale Società Ginnastica di Torino, Ivrea, Priuli & Verlucca editori, 2007.