Stemma

StemmaSullo stemma distintivo della nostra società, compare un grifone (detto anche Leone sabaudo) e l'espressione "Je atans mo anstre" (Tendo al mio astro).

Tale frase è il motto del sigillo di Amedeo VI di Savoia creato nel 1373 e concesso, in forma esclusiva, quale fregio distintivo alla Società Ginnastica di Torino dal re Carlo Alberto per i meriti acquisiti dalla stessa "nel prezioso lavoro svolto a favore della gioventù".

Il grifone è un animale mitico presente in varie culture. Col becco e le ali d'aquila ma il corpo di un leone, esso mescola le nature entrambe solari dei re del cielo e della terra oltre a rappresentare potenza e saggezza.

Per i greci, i grifoni erano custodi di beni preziosi, simboleggiavano la forza e la costanza ma anche l'ostacolo da superare per arrivare al tesoro.

L'elmo rende invisibili, protegge e nasconde i pensieri, obbliga ad una direzione e mette a tacere la lotta della mente per rendere umile lo spirito. Il collare e lo scudo rinforzano il significato dell'elmo allargandone il senso all'intero corpo, quindi "si tengono al guinzaglio" anche le emozioni e l'istinto oltre che i pensieri.

Quello del serpente è riconosciuto ovunque come uno dei simboli della profondità della psiche. Esso incarna una miriade di significati, ma all'origine dei tempi, in molte culture rappresentava il motore stesso della vita.

Lo stemma è ben visibile sullo scudo nell'atrio della Società e sul frontone d'ingresso.