Saggi finali

Corsi: 

Saggi RSGTA conclusione di ogni anno sportivo, si tiene un grande saggio finale in cui bambini e ragazzi di tutti i corsi si esibiscono per parenti e amici a dimostrazione di quanto appreso

durante i nove mesi di lezione.

Si legge nel libro sulla storia della RSGT (Renzo Gilodi, La Reale Società Ginnastica di Torino, 2. ed., Torino, Edizioni MAF Servizi, 1994):
Sin dalla fondazione della RSGT, a chiusura dei corsi, si tenevano i "saggi ginnici" alla presenza di parenti, soci e autorità. Si trattava delle prime importanti manifestazioni che le cronache dell'epoca ricordano e in tali occasioni, gli allievi che si erano distinti durante l'anno venivano premiati con "portafogli, scatolette di colori e capi di vestiario" ma soprattutto con "libri di educazione alla vita, alla moderazione, alla temperanza, ad una forte volontà e in trastulli ginnastici atti a sviluppare le facoltà fisiche dei fanciulli, come bocce birilli e palloni" come si legge nei verbali originali del Consiglio Direttivo.
Di anno in anno queste esercitazioni videro una partecipazione sempre più crescente, frutto di una lievitazione naturale di interessi attorno al fenomeno dell'educazione fisica e del conseguente dilatarsi del numero degli allievi. Gli esiti coreografici, armoniosamente ritagliati in una composta ed elegante cornice borghese dovevano senz'altro risultare di piacevolissimo e colorito impasto, accompagnati da vivi sentimenti di festa che erano in realtà l'essenza motivante di questi "ludi"
›. 

Tale "sentimento di festa" permane tuttora e l'esibizione conclusiva degli allievi è un modo per stare insieme, festeggiare l'arrivo dell'estate, incontrare finalmente con calma genitori e amici e augurarsi buone vacanze con il desiderio di rivedersi a settembre per condividere un altro anno di sport. Dai più piccoli di tre anni ai settori agonistici, ogni gruppo porta il proprio contributo esibendosi in un vero spettacolo e superando, magari per la prima volta, l'emozione di essere davanti a un grande pubblico.